ALOHA SUP RACE – 28-29.07.18 – MARINA ROMEA

All’Aloha Beach un due giorni di mare, sup e divertimento! Tra demo day, test, feste, escursioni in sup e la seconda edizione dell’@alohasuprace

💰money prize 1500 euro💰💰💰
Così suddivisi:

Kingiii Elite race 14:
1) 400 euro
2) 200 euro
3) 100 euro

Elite race 14 femminile:
1) 400euro
2) 200 euro
3) 100 euro

Reptile race 12’6”
1) 100 euro

Il money prize 💰🤑 è ispirato ai principi di equality gender quindi massimo rispetto anche per tutte le donne che si impegnano nel nostro circuito!

Bando di Regata Aloha sup Race 2018

REPORT – 13 MAGGIO 2018 A PASSIGNANO SUL TRASIMENO

La 4ª tappa del campionato  Csen – Italian Sup League si è disputata lo scorso 13 maggio 2018 a Passignano sul Trasimeno. La società SUP Trasimeno ha organizzato una Beach Race molto tecnica di 8 km con 18 giri di boa e due passaggi in spiaggia!

Al momento delle iscrizioni, quando tutti i concorrenti stavano arrivando alla spicciolata alla spiaggia di Sualzo Beach le condizioni meteo sembravano volgere per il peggio con un vento teso che stava facendo increspare l’acqua del lago; ed invece al momento della partenza le condizioni erano ottimali con poco vento e situazione di flat water.

Sebbene molti degli atleti in acqua fossero ancora provati dall’ultima gara di Lignano Sabbiadoro corsa la domenica precedente, già dalla partenza dove tutti erano allineati in acqua, si è notata una voglia di essere presenti e correre al massimo delle forze.

L’evento era in concomitanza con il Passignano fitness Sport. Erano presenti diversi stand con prodotti per gli sport acquatici e prodotti per l’alimentazione sportiva.

Anche il grande atleta e personaggio pubblico Leonardo Cenci, ideatore tra le altre cose dell’associazione “Avanti Tutta Onlus” per il sostegno dei malati oncologici è venuto a farci visita e ci ha deliziato con un discorso tutto allegria e voglia di vivere.

La gara è stata subito dominata dagli atleti della classe Kingii Elite 14’ dove Alessandro Sapigni del club Romagna Paddle Surf ed Andrea Zaves del club Magic Paddle House sono subito balzati in testa al gruppo. Alla fine di 8 km di battaglia sportiva però a spuntarla è stato Alessandro seguito da Andrea e da Leonardo Lazzeri.

Nella classe Reptile Race 12’6’’ vince il passignanese Cristian Bottausci della Sup Trasimeno, seguito da un buon Stefano Amati che piano piano sta riprendendo la giusta condizione fisica dopo un periodo di stop. Terzo il giovane Oscar Violet del club W.A.S. Savona.

Nella classe Elite race 14 femminile vince Sara Oddera del club WAS Savona seguita dalla toscana Valentina Brogi; la Local Annalisa Bizzarri si piazza al terzo gradino del podio.

Il nostro circuito si sposta ora in Toscana, in quel di Cecina, dove la squadra Toscana Surfing sta preparando un percorso di 10 km tra il mare, le secche ed il fiume Cecina per far assaporare a tutti gli sportivi un po’ delle tradizioni etrusche del loro territorio. Al prossimo 20 maggio per l’Etrusca SUP Race!

SUP PARTY @ SUNSET 09.06

Sabato 9 Giugno è la data in cui qualcosa di diverso avrà vita.
Un evento SPECIALE, UNICO in un’isola privata ed ESCLUSIVA.

Grazie ad ITALIAN SUP LEAGUE, soltanto 50 fortunati avranno la possibilità di partecipare ad una passeggiata in SUP lungo i litorali di quest’ isola magnifica.
A seguire presso il Mare Vostrum ristorante sul litorale dell’Isola di Albarella, i 50 fortunati potranno gustare un delizioso apetivo accompagnati dalla meravigliosa atmosfera regalata dal Tramonto.
L’occasione porta il circuito ISL quindi a generare una festa, aperitivando e cenando tutti assieme, sarà un’ occasione conviviale unica, dove saremo convinti che oltre a nuove conoscenze, i fortunati partecipanti, percepiranno letteralmente l’amore che suggella questo Sport.

Eventi collaterali:

CORSO BASE: Grazie alla collaborazione con la Scuola SUP Sottomarina, organizzatrice dell’evento, sarà possibile apprendere a praticare questo magnifico sport. (posti limitati)

SUP CLINIC: un insegnante ISA guiderà i fortunati partecipanti a migliorare la propria tecnica. (posti limitati su prenotazione)

Per chi vorrà partecipare alla passeggiata la prenotazione è obbligatoria e la cifra per la partecipazione è fissata a 15 EURO, comprensivi di tessera assicurativa CSEN, aperitivo e gadget offerti dal nostro sponsor Fiordo51.

I Corsi base e CLINIC sono su prenotazione ad un prezzo aggiuntivo, per info contattare i numeri sulla locandina.

Per la cena dopo l’aperitivo si richiede prenotazione. Il menù è in fase di preparazione.

Ringraziamo tutti gli sponsor che ci sostengono in questa iniziativa: Fiordo51, SAFE Sup international, Sup News Mag e ringraziamo anche il lo stabilimento Mare Vostrum che ci ospita.

20.05.18 L’ETRUSCA SUP RACE CECINA

Per la Seconda Edizione Dell’Etrusca Sup Race, valida per il circuito Italian Sup League, abbiamo deciso con gli amici di Toscana Surfing di rafforzare il binomio Cultura e Sport, ripercorrendo dentro e fuori dall’acqua la storia dei nostri antenati Etruschi, grazie al supporto del Comune di Cecina, che offrirà a tutti i partecipanti la visita al Museo di Villa Guerrazzi. Inoltre il caso ha voluto che il 19 Maggio per il Progetto della Regione Toscana “Museo Amico” ci sarà un’ apertura straordinaria denominata “La Notte dei Musei” con una visita guidata a tema, “Il Vino in Val di Cecina”.
Un motivo in più per visitare e conoscere il nostro territorio arrivando un giorno prima della gara. Per i partecipanti saranno a disposizione pernottamenti a partire da 25€ colazione inclusa.
Il percorso di gara si svilupperà sulle vie fluviali percorse dagli etruschi, dalle secche di Vada loro porto naturale, fino alle acque del fiume Cecina ricche di argilla usate per i loro manufatti, e dove la nostra comunità ha preso vita.
Vi aspettiamo numerosi all’ “ETRUSCA”.

REPORT OPEN CORE MALDARIZZI SUP CUP

CLAUDIO NIKA VINCE LA SECONDA TAPPA DEL CIRCUITO ISL

Italian SUP League sbarca in Puglia e precisamente a Leporano (Taranto) per la seconda tappa del circuito. Questa nuova tappa, organizzata dalla squadra sportiva locale “Jonian Surf Project” affiliata ad ISL, si è svolta il 25 Aprile 2018 nella bellissima cornice della baia di Saturo ed è stata movimentata dalla presenza di uno dei grandi nomi del SUP Italiano come Claudio Nika.

L”Open Core Maldarizzi SUP Cup”, questo il nome dell’evento, si è disputato in un clima di amicizia e di allegria, vivacizzato dalla grande festa “Open Core Fest” che ha ospitato oltre alla nostra gara di SUP ed anche una gara di Obstacle Race, una gara di agility dog ed altre tantissime attività dalla mountain bike alle arti marziali ed allo yoga!

Race director d’eccezione è stato Giuseppe Cuscianna, che è riuscito a farsi seguire e sentire, nonostante il frastuono della musica in spiaggia.

Parecchi gli atleti e gli amatori accorsi per misurarsi nella sfida, alcuni anche da molto lontano, ma tutti sono stati sostenuti dal tifo caloroso del pubblico che non ha mai smesso di incitare gli atleti.

Il percorso ipotizzato nelle settimane precedenti che prevedeva l’attraversamento della baia di saturo e di Porto Pirrone è stato modificato nella settimana precedente per creare una beach race che coinvolgesse maggiormente il pubblico in spiaggia. Questa è infatti uno degli obiettivi di Italian sup league: creare visibilità ed attirare l’attenzione sul nostro beneamato SUP, per coinvolgere e formare sempre nuovi atleti.

Nei tre giri del percorso le battaglie sportive sono state tante e con esiti a volte imprevisti. La vittoria nella classe Elite 14’ è andata come da previsione a Claudio Nika, che ha dato sfoggio di un’ottima condizione; nella classe Reptile 12’6’’ invece si è messo in luce il giovane Vincenzo Manobianco, atleta pugliese che sicuramente farà parlare di sè alle prossime gare SUP Race in giro per l’Italia. Tra le ragazze della classe Elite Race 14’  invece si è misurata un’epica battaglia fino all’ultimo metro tra Maya Colella e Valentina Morcavallo, con quest’ultima vittoriosa.

Tantissimi invece sono stati gli amatori per lo più pugliesi che si sono contesi l’affermazione nella classe SAFE Open amatori; ad aggiudicarsela però sono stati Michele Spada per gli Uomini e Pilar Barrios per le Donne.

A seguire la festa si è spostata nel lussureggiante parco del “Canneto Beach” dove in un clima gioioso si è svolta la proclamazione dei vincitori ed a seguire un party con musiche e balli e tantissime altre attività offerte dall’Open Core Fest.

Ringraziamo prima di tutto la squadra locale “Jonian Surf Project”, lo stabilimento balneare “Canneto Beach” e tutta “l’Open Core Community” per l’accoglienza e l’organizzazione; ringraziamo anche “Maldarizzi Automotive Group” per il prestigioso premio di 1500 euro offerto ai vincitori e vi diamo appuntamento per il prossimo 6 Maggio a Lignano Sabbiadoro (UD) per una gara ormai classica del nostro circuito: la “Lignano SUP Marathon”.

SPRING SUP RACE 15.04.18

++++++++++BANDO SCARICABILE++++++++++

LOCALITA’
Bagno Ristoro – Via Lungomare del Parco, 5 44022 Lido di Volano  – Comacchio (Ferrara)

ORGANIZZAZIONE
L’Evento denominato Spring SUP Race, è organizzato dal Romagna Paddle Surf e dal Bagno Ristoro del Lido di Volano.
Si tratta di una tappa circuito italiano di Sup ad una stella organizzato da ISL (Italian Sup League).
Categorie Previste per le premiazioni individuali:
Elite race 14’ uomini(concorrenti con tavola non più lunga di 14’)
Elite race 14’ donne
Reptile race 12’6 Uomini
Amatoriale fino a 12’6 Uomini (percorso breve)
Amatoriale fino 12’6 Donne (percorso breve)

Oltre alle categorie sopra indicate,andranno a premiazione di giornata le seguenti categorie di età se presenti almeno 3 iscritti alla categoria:
Elite 14’ uomini over 40
Elite 14’ donne over 40
12’6 uomini over 40
12’6 Under 16 uomini
Amatoriale fino 12’6 under 16 uomini (percorso breve)
Amatoriale fino 12’6 under 16 donne (percorso breve)
N.B. Si intende over 40 un atleta che al primo gennaio 2018 abbia già compiuto 40 anni. Si
intende under 16 un atleta che al primo gennaio 2018 non abbia compiuto 16 anni.
Come arrivare, indicazioni per navigatore: www.google.it/maps/@44.7969894,12.2697081,220m/data=!3m1!1e3
Parcheggio gratuito nei pressi del Bagno Ristoro.

PROGRAMMA  e ORARI

9:00-10:45 = Iscrizioni / registrazione atleti
11:00 = Skipper meeting Regata agonistica e amatoriale
11:30 = Start Regata
13:15 = Pranzo nella veranda
14:30 = Inizio lotteria premi a estrazione
15:00 = Foto di gruppo con tutti i partecipanti Inizio premiazioni
16:00 = Ringraziamenti e saluti finali

DOVE DORMIRE

  • Hotel/Villaggio “Spiaggia Romea”  https://www.spiaggiaromea.it/ che dista circa 4 km dal campo gara è presente una convenzione per la gara di SUP. Contatti: tel: 0533 355366 E-mail: info@spiaggiaromea.it                                         N.B: il giorno 14 la strada che porta al villaggio sarà chiusa fino alle ore 16.00 circa per gara di triathlon.
  • Al Ponticello – Room and Breakfast – Apartments  – Via Cavour, n.39 – 44022 Comacchio (FE). http://www.alponticello.it/ A 15 minuti circa dal campo gara, immerso nella storica cittadina di Comacchio. È presente una convenzione per la gara SUP. Contatti: tel: 0533.314080 dalle 08:00 alle 20:00 E-mail: alponticello@alponticello.it

MANGIARE & BERE
Il pranzo sarà offerto a tutti gli atleti ed amatori che parteciperanno all’evento e sarà un pranzo a km 0 grazie al sapiente utilizzo dei prodotti del luogo da parte dello staff del Bagno Ristoro. Eventuali accompagnatori potranno usufruire del pranzo a prezzo
Convenzionato. Lo staff del Bagno Ristoro è comunque a disposizione per particolari esigenze alimentari. (tel. 333 607 5620)
 
LOGISTICA
Nel luogo ospitante l’evento sono a disposizione docce calde e fredde, spogliatoi, bagni, una zona adibita al lavaggio dell’attrezzatura ed un ampio parcheggio gratuito.

ISCRIZIONI
La quota comprende: partecipazione gara (Tappa circuito ISL), pacco gara, pranzo.
Gli atleti che partecipano alla regata agonistica iscrivendosi dichiarano di essere in regola con il certificato medico per attività sportiva agonistica per l’anno corrente. I partecipanti alla regata amatoriale iscrivendosi dichiarano di essere in possesso del certificato medico di sana e robusta costituzione per l’anno corrente.
La quota di partecipazine è di € 25.

Angelo Lume

Oggi diamo spazio ad Angelo Lume, attualmente in testa al rancking amatoriale. Lo scorso anno si è particolarmente distinto nella sua categoria tanto da far pensare a molti ad un prossimo passaggio alla categoria race.

-Nome
Angelo Lume
-Data di nascita
28/08/1992
-Dove vivi
Pozzo della Chiana, un piccolo paese in provincia di Arezzo
-Come ti sei avvicinato al sup ?
Nel 2015 lavoravo ad Ancona ed è là, sotto il Monte Conero, che ho visto per la prima volta adulti e bambini pagaiare in piedi su delle tavole. Da sportivo non potevo non provarlo. Verso la fine di agosto scoprii che a pochi minuti da casa si svolgeva una delle tappe del campionato italiano. Non solo ho avuto modo di correggere la tecnica fin da subito grazie alla clinic del campione Martino Rogai, ma ho notato che se in altri sport la competizione divide, qua si condivide, infatti ho visto tanti atleti non dar peso a chi li ha superati.
-Che tipo di tavole da Sup usi?
Da un anno ho un Infinity SUP Blackfish 12’6×25. Oltre al fatto che mi piacciono tanto le sue linee, è la tavola perfetta per il mio peso e tipo di pagaiata. Per il wawe non ho ancora una tavola personale e cerco sempre di sfruttare il race in tutte le condizioni.
-Sei sponsorizzato da qualche azienda o hai delle partnership commerciali?
Faccio parte del team Jan Surf Shop, mi ha aiutato e mi aiuta a scegliere il miglior materiale per questo sport.
-Dove ti alleni solitamente?
Esco sempre a Tuoro sul Trasimeno presso la spiaggia Tuoro Beach e nei weekend liberi, quando ho nostalgia del mare, vado a Senigallia. In acqua non ho un programma particolare, mi rilassa fare il giro delle Isole, mentre a terra mi segue Luca Pieroni della palestra SportVillage Wellness Club .
– Quanto è importante per te la preparazione fisica e l’alimentazione nel nostro sport?
Penso che per fare sup non sia necessario avere un fisico da atleta ma l’alimentazione si; in questo sport si consumano tantissime kcal.
-Che numero di pettorale hai usato nella scorsa stagione? e ha un particolare significato per te quel numero?
105. È stato il numero che mi hanno scritto sul braccio nella mia prima gara e da allora continuo con lo stesso numero e con la stessa voglia di divertirmi.
– Secondo te come si potrebbe fare ad aumentare la visibilità ed il numero di praticanti nel SUP?
Sup o ‘quello simile al surf e canoa’ lo conoscono in molti, sup race e le gare no.
Le gare ISL del 2017 tra passaggi in spiaggia e tante boe ben visibili da terra, hanno attirato l’attenzione di molti. Si potrebbe lavorare su questo per portare tanti curiosi sulla tavola.
– Sei attualmente in testa nel ranking degli amatori, continuerai a gareggiare nella categoria amatori o cambierai?
Ho ricevuto tanti complimenti per i tempi ottenuti e per questo ringrazio tutti, ma per essere un buon agonista dovrei cambiare il mio modo di vedere il sup. Comunque un 14′ sta arrivando anche nel mio box… chissà

#italiansupleague #magicpaddlehouse #kingiiitalia #starboard #safesup#safewaterman #supskin #robertoriccidesigns #tomcarusobrand #reptilesup#infinitysup #jansurfshop #sportvillagewellnessclub

Today we give space to Angelo Lume, currently leading the amateur rancking. Last year he was particularly distinguished in his category so much to make many think of a next move to the race category.

-First name
Angelo Lume
-Date of birth
28/08/1992
-Where do you live
Pozzo della Chiana, a small town in the province of Arezzo (Arezzo, Italy)
-How did you approach the sup?
In 2015 I worked in Ancona and it is there, under Monte Conero, that I saw for the first time adults and children paddling standing on tables. As a sportsman I could not not prove it. Towards the end of August I discovered that just a few minutes from home there was one of the stages of the Italian championship. Not only did I get to correct the technique right away thanks to the clinic of the champion Martino Rogai, but I noticed that if in other sports the competition divides, here we share, in fact I saw many athletes do not give weight to those who have overcome them.
-What kind of tables do you use?
For one year I have an Infinity SUP Blackfish 12’6×25. In addition to the fact that I like his lines so much, it is the perfect table for my weight and type of paddling. For the wawe I do not have a personal board yet and I always try to exploit the race in all conditions.
– Are you sponsored by some company or do you have business partnerships?
I’m part of the Jan Surf Shop team, it helped me and helps me choose the best material for this sport.
-Where do you usually train?
I always go out to Tuoro sul Trasimeno at the beach Tuoro Beach and on the free weekends, when I miss the sea, I go to Senigallia. In the water I do not have a particular program, it makes me go around the Islands, while Luca Pieroni from the SportVillage Wellness Club is on the ground.
– How important is physical preparation and nutrition for you in our sport?
I think that to make sup it is not necessary to have an athlete’s body but the power is; in this sport you consume a lot of kcal.
– What bib number did you use last season? and does that number have a special meaning for you?
105. It was the number that they wrote on my arm in my first race and since then I continue with the same number and with the same desire to have fun.
– In your opinion, how could one increase the visibility and the number of practitioners in the SUP?
Sup or ‘similar to surfing and canoeing’ know him in many, sup race and races no.
The 2017 ISL competitions between beach passes and so many buoys clearly visible from the ground, have attracted the attention of many. We could work on this to bring many curious on the table.
– Are you currently leading the amateur rankings, will you continue to compete in the amateur category or will you change?
I have received many compliments for the times obtained and for this I thank everyone, but to be a good agonist I should change the way I see the sup. However, a 14 ‘is also coming in my box … who knows

Luca Di Silvestre

Abbiamo fatto alcune domande a Luca di Silvestre (SleAr Luchetto). Spirito libero in Italia sempre alla ricerca di nuove sfide.
Buona lettura!

-Nome :Luca Di Silvestre
-Data di nascita: 27-3-78
-Dove vivi: Pescara
-Spirito libero in Italia sempre alla ricerca di nuove sfide. Raccontaci qualcosa di te:
Sono amante dello sport e delle competizioni,perché mi spronano a migliorarmi e ad avere sempre degli stimoli.
-Come ti sei avvicinato al sup?
Mi sono avvicinato al SUP di ritorno dalle canarie dopo alcune lezioni di surf. Mi sono avvicinato poi al sup per la semplicità con cui ci si relaziona con il mare e la natura nella stragrande maggioranza delle situazioni meteo. Poi…come detto sopra,il mondo della competizione è nel mio DNA.
-Che tipo di tavole da Sup usi?
Sin dall’inizio ho usato tavole Naish Stand Up Paddling ,e non mi sono mai pentito per via della serietà di questa grande e blasonata azienda Hawaiana.
Uso ormai da 2 anni, sia tavole 14 ft. che 12,6, nello specifico per il 2018 Maliko 14×24 – 14×26 – Maliko 12,6 x 24, per quanto riguarda il wave ho un Hokua 8,11 x 29 2018 per svagarmi quando voglio staccare dagli allenamenti.
-Sei sponsorizzato da qualche azienda o hai delle partnership commerciali?
Sono Promoter da un paio d’anni per l’azienda Naish Italycollaborando con il negozio PIPE surfshop di Ravenna, ma sostengo il brand nelle manifestazioni o demo nello stivale.
Ho usato per 2 anni pagaie QuickBlade Paddles,a mio avviso le migliori…vedremo in futuro…
-Dove ti alleni solitamente?
Prediligo il mare sotto casa,ma farsi i weekend di allenamento fuori porta lo sto valutando come alternativa alle gare.
-Abbiamo visto le tue foto in allenamento a “tana delle tigri” (la tua palestra) segui qualche schema peculiare di allenamento?
Prediligo l’allenamento funzionale a circuito.Ogni sessione si differenzia dall’altra a seconda di ciò che voglio curare.Dalla forza, alla resistenza muscolare, cardio o portare all’esaurimento le scorte energetiche…ogni allenamento deve avere il proprio obbiettivo, che varierà anche in funzione del periodo dell’anno.
-Che numero di pettorale hai usato nella scorsa stagione? e ha un particolare significato per te quel numero?
Ho avuto il 17 perché non credo in nulla se non in me stesso,tantomeno alla sfiga.
-Raccontaci la tua esperienza con ISL nel 2017 e cosa vorresti da ISL per il 2018 senza peli sulla lingua:
In principio ero scettico sulla riuscita,ma sono una persona che sa dare valore a ciò che merita e con l’inizio dell estate ho iniziato ad appuntarmi alcune gare.Ci sono molti amici con cui condivido la stessa passione,a prescindere dal risultato.Per il 2018 non mi aspetto nulla da ISL,ma mi aspetto di ritrovare le stesse persone, per continuare a divertirci.
-Prospettive future?
Le mie prospettive sono quelle di avere sempre lo stimolo di uscire per andare ad allenarmi,a prescindere dalle avversità meteo e dagli impegni.
Avere sempre lo stimolo giusto per avere la determinazione nell’allenarmi, e quando verranno meno…passerò al Triathlon

#italiansupleague #magicpaddlehouse #kingiiitalia #starboard#safesup #safewaterman #supskin #robertoriccidesigns#tomcarusobrand #reptilesup #naishsup #pipe_surfshop#qbpaddles

We asked Luca di Silvestre (SleAr Luchetto) some questions. Free spirit in Italy always looking for new challenges.
Enjoy the reading!

-Name: Luca Di Silvestre
– Date of birth: 27-3-78
-Where live: Pescara (Pescara, Italy)
– Free inspiration in Italy always looking for new challenges. Tell us something about yourself:
I am a lover of sport and competitions, because they spur me to improve myself and to always have incentives.
-How did you approach the sup?
I approached the SUP returning from the Canary Islands after some surf lessons. I then approached the sup for the simplicity with which we relate to the sea and nature in the vast majority of weather situations. Then … as mentioned above, the world of competition is in my DNA.
-What kind of tables do you use?
From the beginning I used Naish Stand Up Paddling boards, and I have never regretted it because of the seriousness of this great and eminent Hawaiian company.
Use now for 2 years, both 14 ft boards. that 12.6, specifically for the 2018 Maliko 14×24 – 14×26 – Maliko 12.6 x 24, with regard to the wave I have a Hokua 8.11 x 29 2018 to distract me when I want to detach from training.
– Are you sponsored by some company or do you have business partnerships?
I have been a promoter for the Naish Italy company for a couple of years working with the PIPE surfshop store in Ravenna, but I support the brand in the demonstrations or demos in the boot.
I have used QuickBlade Paddles for 2 years, in my opinion the best … we will see in the future …
-Where do you usually train?
I prefer the sea at home, but getting the training weekend out of doors I’m considering it as an alternative to competitions.
-We have seen your photos in training in “tana den” (your gym) you follow some peculiar scheme of training?
I prefer the functional training circuit. Each session differs from the other depending on what I want to cure. From strength, to muscular strength, cardio or to bring energy supplies to exhaustion … every training must have its own goal, which will vary also depending on the time of year.
– What bib number did you use last season? and does that number have a special meaning for you?
I had 17 because I do not believe in anything except in myself, let alone the bad luck.
-Contact us your experience with ISL in 2017 and what you would like from ISL for 2018 without hairs on the language:
In the beginning I was skeptical about the success, but I am a person who knows how to give value to what it deserves and with the beginning of summer I started to point out some races. There are many friends with whom I share the same passion, regardless of the result. 2018 I do not expect anything from ISL, but I expect to find the same people, to continue to have fun.
-Future perspectives?
My perspectives are to always have the incentive to go out to go to train, regardless of weather adversities and commitments.
Always have the right stimulus to have the determination to train me, and when they fail … I will go to Triathlon