REPORT OPEN CORE MALDARIZZI SUP CUP

CLAUDIO NIKA VINCE LA SECONDA TAPPA DEL CIRCUITO ISL

Italian SUP League sbarca in Puglia e precisamente a Leporano (Taranto) per la seconda tappa del circuito. Questa nuova tappa, organizzata dalla squadra sportiva locale “Jonian Surf Project” affiliata ad ISL, si è svolta il 25 Aprile 2018 nella bellissima cornice della baia di Saturo ed è stata movimentata dalla presenza di uno dei grandi nomi del SUP Italiano come Claudio Nika.

L”Open Core Maldarizzi SUP Cup”, questo il nome dell’evento, si è disputato in un clima di amicizia e di allegria, vivacizzato dalla grande festa “Open Core Fest” che ha ospitato oltre alla nostra gara di SUP ed anche una gara di Obstacle Race, una gara di agility dog ed altre tantissime attività dalla mountain bike alle arti marziali ed allo yoga!

Race director d’eccezione è stato Giuseppe Cuscianna, che è riuscito a farsi seguire e sentire, nonostante il frastuono della musica in spiaggia.

Parecchi gli atleti e gli amatori accorsi per misurarsi nella sfida, alcuni anche da molto lontano, ma tutti sono stati sostenuti dal tifo caloroso del pubblico che non ha mai smesso di incitare gli atleti.

Il percorso ipotizzato nelle settimane precedenti che prevedeva l’attraversamento della baia di saturo e di Porto Pirrone è stato modificato nella settimana precedente per creare una beach race che coinvolgesse maggiormente il pubblico in spiaggia. Questa è infatti uno degli obiettivi di Italian sup league: creare visibilità ed attirare l’attenzione sul nostro beneamato SUP, per coinvolgere e formare sempre nuovi atleti.

Nei tre giri del percorso le battaglie sportive sono state tante e con esiti a volte imprevisti. La vittoria nella classe Elite 14’ è andata come da previsione a Claudio Nika, che ha dato sfoggio di un’ottima condizione; nella classe Reptile 12’6’’ invece si è messo in luce il giovane Vincenzo Manobianco, atleta pugliese che sicuramente farà parlare di sè alle prossime gare SUP Race in giro per l’Italia. Tra le ragazze della classe Elite Race 14’  invece si è misurata un’epica battaglia fino all’ultimo metro tra Maya Colella e Valentina Morcavallo, con quest’ultima vittoriosa.

Tantissimi invece sono stati gli amatori per lo più pugliesi che si sono contesi l’affermazione nella classe SAFE Open amatori; ad aggiudicarsela però sono stati Michele Spada per gli Uomini e Pilar Barrios per le Donne.

A seguire la festa si è spostata nel lussureggiante parco del “Canneto Beach” dove in un clima gioioso si è svolta la proclamazione dei vincitori ed a seguire un party con musiche e balli e tantissime altre attività offerte dall’Open Core Fest.

Ringraziamo prima di tutto la squadra locale “Jonian Surf Project”, lo stabilimento balneare “Canneto Beach” e tutta “l’Open Core Community” per l’accoglienza e l’organizzazione; ringraziamo anche “Maldarizzi Automotive Group” per il prestigioso premio di 1500 euro offerto ai vincitori e vi diamo appuntamento per il prossimo 6 Maggio a Lignano Sabbiadoro (UD) per una gara ormai classica del nostro circuito: la “Lignano SUP Marathon”.