Luca Di Silvestre

Abbiamo fatto alcune domande a Luca di Silvestre (SleAr Luchetto). Spirito libero in Italia sempre alla ricerca di nuove sfide.
Buona lettura!

-Nome :Luca Di Silvestre
-Data di nascita: 27-3-78
-Dove vivi: Pescara
-Spirito libero in Italia sempre alla ricerca di nuove sfide. Raccontaci qualcosa di te:
Sono amante dello sport e delle competizioni,perché mi spronano a migliorarmi e ad avere sempre degli stimoli.
-Come ti sei avvicinato al sup?
Mi sono avvicinato al SUP di ritorno dalle canarie dopo alcune lezioni di surf. Mi sono avvicinato poi al sup per la semplicità con cui ci si relaziona con il mare e la natura nella stragrande maggioranza delle situazioni meteo. Poi…come detto sopra,il mondo della competizione è nel mio DNA.
-Che tipo di tavole da Sup usi?
Sin dall’inizio ho usato tavole Naish Stand Up Paddling ,e non mi sono mai pentito per via della serietà di questa grande e blasonata azienda Hawaiana.
Uso ormai da 2 anni, sia tavole 14 ft. che 12,6, nello specifico per il 2018 Maliko 14×24 – 14×26 – Maliko 12,6 x 24, per quanto riguarda il wave ho un Hokua 8,11 x 29 2018 per svagarmi quando voglio staccare dagli allenamenti.
-Sei sponsorizzato da qualche azienda o hai delle partnership commerciali?
Sono Promoter da un paio d’anni per l’azienda Naish Italycollaborando con il negozio PIPE surfshop di Ravenna, ma sostengo il brand nelle manifestazioni o demo nello stivale.
Ho usato per 2 anni pagaie QuickBlade Paddles,a mio avviso le migliori…vedremo in futuro…
-Dove ti alleni solitamente?
Prediligo il mare sotto casa,ma farsi i weekend di allenamento fuori porta lo sto valutando come alternativa alle gare.
-Abbiamo visto le tue foto in allenamento a “tana delle tigri” (la tua palestra) segui qualche schema peculiare di allenamento?
Prediligo l’allenamento funzionale a circuito.Ogni sessione si differenzia dall’altra a seconda di ciò che voglio curare.Dalla forza, alla resistenza muscolare, cardio o portare all’esaurimento le scorte energetiche…ogni allenamento deve avere il proprio obbiettivo, che varierà anche in funzione del periodo dell’anno.
-Che numero di pettorale hai usato nella scorsa stagione? e ha un particolare significato per te quel numero?
Ho avuto il 17 perché non credo in nulla se non in me stesso,tantomeno alla sfiga.
-Raccontaci la tua esperienza con ISL nel 2017 e cosa vorresti da ISL per il 2018 senza peli sulla lingua:
In principio ero scettico sulla riuscita,ma sono una persona che sa dare valore a ciò che merita e con l’inizio dell estate ho iniziato ad appuntarmi alcune gare.Ci sono molti amici con cui condivido la stessa passione,a prescindere dal risultato.Per il 2018 non mi aspetto nulla da ISL,ma mi aspetto di ritrovare le stesse persone, per continuare a divertirci.
-Prospettive future?
Le mie prospettive sono quelle di avere sempre lo stimolo di uscire per andare ad allenarmi,a prescindere dalle avversità meteo e dagli impegni.
Avere sempre lo stimolo giusto per avere la determinazione nell’allenarmi, e quando verranno meno…passerò al Triathlon

#italiansupleague #magicpaddlehouse #kingiiitalia #starboard#safesup #safewaterman #supskin #robertoriccidesigns#tomcarusobrand #reptilesup #naishsup #pipe_surfshop#qbpaddles

We asked Luca di Silvestre (SleAr Luchetto) some questions. Free spirit in Italy always looking for new challenges.
Enjoy the reading!

-Name: Luca Di Silvestre
– Date of birth: 27-3-78
-Where live: Pescara (Pescara, Italy)
– Free inspiration in Italy always looking for new challenges. Tell us something about yourself:
I am a lover of sport and competitions, because they spur me to improve myself and to always have incentives.
-How did you approach the sup?
I approached the SUP returning from the Canary Islands after some surf lessons. I then approached the sup for the simplicity with which we relate to the sea and nature in the vast majority of weather situations. Then … as mentioned above, the world of competition is in my DNA.
-What kind of tables do you use?
From the beginning I used Naish Stand Up Paddling boards, and I have never regretted it because of the seriousness of this great and eminent Hawaiian company.
Use now for 2 years, both 14 ft boards. that 12.6, specifically for the 2018 Maliko 14×24 – 14×26 – Maliko 12.6 x 24, with regard to the wave I have a Hokua 8.11 x 29 2018 to distract me when I want to detach from training.
– Are you sponsored by some company or do you have business partnerships?
I have been a promoter for the Naish Italy company for a couple of years working with the PIPE surfshop store in Ravenna, but I support the brand in the demonstrations or demos in the boot.
I have used QuickBlade Paddles for 2 years, in my opinion the best … we will see in the future …
-Where do you usually train?
I prefer the sea at home, but getting the training weekend out of doors I’m considering it as an alternative to competitions.
-We have seen your photos in training in “tana den” (your gym) you follow some peculiar scheme of training?
I prefer the functional training circuit. Each session differs from the other depending on what I want to cure. From strength, to muscular strength, cardio or to bring energy supplies to exhaustion … every training must have its own goal, which will vary also depending on the time of year.
– What bib number did you use last season? and does that number have a special meaning for you?
I had 17 because I do not believe in anything except in myself, let alone the bad luck.
-Contact us your experience with ISL in 2017 and what you would like from ISL for 2018 without hairs on the language:
In the beginning I was skeptical about the success, but I am a person who knows how to give value to what it deserves and with the beginning of summer I started to point out some races. There are many friends with whom I share the same passion, regardless of the result. 2018 I do not expect anything from ISL, but I expect to find the same people, to continue to have fun.
-Future perspectives?
My perspectives are to always have the incentive to go out to go to train, regardless of weather adversities and commitments.
Always have the right stimulus to have the determination to train me, and when they fail … I will go to Triathlon